venerdì, agosto 31, 2007

discorso inutile ed ingannevole

Ecco a voi l'ultima "stronzata" su cui mi sono fissata: Supersampler (ovviamente non la voglio rosa...)



Archiviamola questa cosa della follia, peraltro campata per aria. Non essendo né artista, né genio, né pazza, è meglio che me ne tiri fuori.

L’ultimo colpo di coda di questo rimuginare è stato “imporre” come secondo nome ad un innocente gattino Van Gogh. Il padrone mi ha assecondato, è stato semplice farmi contenta…

Così ora c’è un gatto che si chiama Trezeguet-Van Gogh, o più logicamente solo Trezeguet. E’ davvero facile farmi contenta?

Entusiasmarsi per le “stronzate” è una cosa da bambini. A me riesce benissimo, agli altri non crea problemi, quindi credo di poter andare avanti su questa strada senza rimorsi.
E poi non mi dispiace, la meraviglia nelle cose sciocche è meno dannosa di quanto si pensi, anche se mi dimostro illogicamente esigente anche nelle cose sciocche.

Mi rendo conto di essere spesso attratta dalla fuffa più strana, il superfluo, l’effimero, il non necessario

Sì, credo fermamente nella necessità del non necessario.

A ben vedere lo stesso Amore non è necessario. Basterebbe il sesso. Basterebbe per portare avanti il mondo, mettere al mondo figli e via. L’Amore è un surplus, ma tanto meraviglioso che è riuscito (grazie al cielo) a mettere in secondo piano il puro istinto di riproduzione. E’ quando il contorno diventa più importante della sostanza. Lo trovo eccezionale.

Per diverse ragioni credo di far parte di quella categoria di persone che si fanno stregare dalla realtà immediata, faticando spesso a capire le regole precise che stanno dietro all’essere del mondo. A volte addirittura ignorandole volontariamente per paura di sporcare l’incanto.
Faccio leva su un’intelligenza romantica, e fatico spesso a capire chi poggia la propria vita su un’intelligenza classica.

Mi affascina il ragionamento classico, ma proprio perché non lo capisco fin nel profondo.

Mi affascina e lo rispetto, pur non condividendolo, pur nella consapevolezza di essere considerata una frivola edonista da molti rappresentanti del pensiero classico. Capisco questa diffidenza e mi dispiace. Basterebbe rendersi conto di non essere migliori o peggiori, ma diversi, e provare a guardarsi con curiosità e non con astio.
E’ che spesso, anche aggirando i pregiudizi, si rimane incastrati nella noia di conversazioni che tirano lo stesso oggetto da lati talmente opposti da non riconoscerlo più come comune.
Infondo la realtà rimane sempre sé stessa, indipendentemente da come la si chiami e la si svisceri. Rifiutare di prendere in considerazione le diverse etichette che gli altri danno alla realtà è non solo irritante, ma uno spreco clamoroso.

Sarà per questo che trovo tanto importante raccontare la realtà degli altri? La vita secondo chi inquadra la realtà da angoli diversi dal mio?

Non giudicare tutta la fuffa un male, non giudicare…usare sempre “io credo” e mai “ così è” .

Ma soprattutto: che connessione c’è tra la fuffa e l’impiccarsi nel tradurre un curriculum “fantasioso” in inglese e francese? Se mi concentro so che il legame lo trovo…solo che non mi va, o meglio so dove andrei a parare. Così alzo le mani e delicatamente mi arrendo.


A volte avere le risposte è pericoloso.

10 commenti:

kabalino ha detto...

Dici tante belle cosine in questo posto...e in ogni caso io porto su un palmo di mano gli edonisti puri e tutto quello che gli altri pensano essere fuffa...

kabalino ha detto...

ho paura che col nome van gogh-trezeguet il micio potrebbe tentare il suicidio...tenetelo d'occhio...:-)

Bruja ha detto...

Ciao...lieta di conoscere chi condivide con me il destino della testa a medusa...:-)
sono preoccupata per il micio...si si...ha ragione kabalino...potrebbe avere seri problemi di identita...;-)

Baol ha detto...

sono sempre stato dell'idea che smettere di meravigliarsi sia l'inizio della fine, quindi non farlo amica mia.

Dani ha detto...

...Buonasera Barbara...trovo interessante la differenza tra intelligenza romantica e intelligenza classica...io ho sempre diviso per orizzontale e verticale il modo di usare coscientemente i neuroni a noi concessi...
leggendoti mi si è aperto un varco nelle mie certezze...non ho ancora capito la differenza tra necessario e superfluo ho bisogno di tutto e di nulla...avevo un cane e un gatto Kirye il cane Eleison il gatto...un omaggio a Mozart...
piacere di leggerti e scusa l'intrusione.

gabriele ha detto...

ci mancavano altri che si unissero alla causa...vabbè famme 'sta zitto...

barbara ha detto...

Kabalino: in effetti appena deciso il nome, il gatto da pacioso e coccolone si è trasformato in un una paletta che schizzava d tutte le parti...sempre tanto carino però.

bruja: i ricci li capisce solo chi li ha! Ahahahahh
e poi tranquilla che tanto alla fine quel gatto verà chiamato solo Trezeguet...

boal: io non ho ancoro ben capito come iniziarle le cose, figuriamoci se trovo la fine...giuro che continuerò a meravigliarmi di ogni mia cazzata.

Dani: banvenuto! Ebbene sì, qui si scrive senza rileggere, e spesso senza una logica. Tutto quello che viene, come viene e se viene.
I termini classica e romantica mi ricordo vagamente di averli letti in un libro, dove non so chi accusave un pittore di avere un'intelligenza classica inutilizzabile per le cose pratiche. Il termine mi è piaciuto...e così..eccolo qui ancora in uso nella mia capoccia.
e poi, nei blog non ci sono introsuoni, ma pasaggi, di cui non si dovrebbe mai chiedere scusa. (Altrimenti la sottoscritta avrebbe tenuto solo un diario cartaceo)

Gago: io te devo fa una dose massiccia di Valeriana. Possibile che nemmeno i cieli d'irlanda ti abbiano ammansito? Eppure il verde rilassa....

A chi passa di qui consiglio di dare un'occhiata al programma della rassegna METAMORFOSI , al parco della musica. Ieri c'è stata l'inaugurazione, ci sono alcune cose che emritano una visione.
http://www.auditorium.com/eventi/965235

barbara ha detto...

...e sopratutto..ma perchè scrivo sempre boal invece di baol? perdono...eppure adore stefano benni...

gabriele ha detto...

stefano benni....un'altra trave su per il c*l*...

krepa ha detto...

io vivo sulle cose frivole semplici e banali...
non credo ci siano problemi, senon per chi cerca solo cose raffinate e ricercate...

sulle risposte...credo sia peggio farsi troppe domande

 
eXTReMe Tracker