mercoledì, febbraio 13, 2008

Ingiustificabile è il talento

Questi sono i più recenti dubbi di una persona dai non facili entusiasmi e da una spietata critica nei confronti dell’idea del bello.

Pensieri che si posano sul dubbio del talento. Il talento come argomento con cui giustificarsi, il talento come dote da scialacquare e perdere.
Quello che gli altri chiamano talento, quello che si prova a camuffare da talento.

E’ il talento ad abitarci, o siamo noi ad abitare lui?

C’è chi ha uno studio di registrazione in casa, chi ha per casa uno studio di registrazione. Chi ha paura del concetto di casa e allora butta all’aria tutto e finisce in affitto girando troppi appartamenti senza pace.

C’è chi se ne frega. Non dovendo dimostrare nulla perché il talento gli è inevitabile.

Peccato sia spesso una dote indiscreta che attira rogne: nessuno sa resistere alla tentazione di dar consigli per amore e bene del talento altrui.

E’ tuo fin quando lo tieni nascosto, poi diventa cosa pubblica e criticabile. Come se mai te lo fossi cercato diventa una responsabilità da tenere con cura anche a nome di chi non lo ha.

Quante accuse spietate di talenti ingiustificati, mortalmente sprecati. Quante poche possibilità di un libero talento.


E’ il talento ad abitarci, nel momento in cui cerchiamo di abitarlo stiamo sforzando solo l’imitazione

Un giorno, a qualcuno, toccherà riscuotere l’affitto.


PS: pensiero fatto di fronte all’evidenza nell’incontro con persone di talento.

8 commenti:

kabalino ha detto...

"Un talento è un'antica unità di misura della massa. I Babilonesi ed i Sumeri avevano un sistema in cui 60 shekel formavano una mina e 60 mine formavano un talento.

Il talento romano era formato da 100 libbre che avevano una massa inferiore alla mina.

Quando era usato come misura monetaria, si intendeva un talento di oro, e quindi il peso di una persona in oro.

Durante la Guerra del Peloponneso in Grecia antica il talento era la quantità di argento necessaria per pagare l'equipaggio di una trireme per un mese. Un talento attico corrispondeva a 26,2 kg di argento"

Il talento è una roba terra terra, una roba fatta di soldi e cose così...
Quindi io non ci farei tante parole su; il genio è un'altra cosa...col genio ci si nasce, il talento lo si costruisce, credo.
:)

Baol ha detto...

Io credo che la risposta sia Bhoooooooo

De kokende mamma ha detto...

Il talento, averlo o non averlo, non cambia molto. È quello che ne fai e lo spirito con cui lo fai, che può cambiare te stesso e/o il mondo.

Vista la nostra splendida tradizione giudaico-cristiana, ce la vogliamo ricordare la parabola?

Poi, tirarsela a torto o a ragione è un'altra cosa, in genere se la tirano le mezze seghe (no pun intended).

Ciao,

Ba

daniela ha detto...

Il talento ci abita, sì, ma sta a noi costruirgli una bella abitazione, altrimenti quello deperisce e poi muore pian piano. :-)

barbara ha detto...

Kabalino: non sono d'accordo, io penso che il talento sia un'inclinazione dell'anima che ti permette di fare con estrema facilità alcune cose.
Il genio ti possiede, non hai selta, ti invade.
Il talento è una possibilità. Averlo a volte può rendere le cose molto più facili.
Mentre però il talentolo si può ignorare, preferendogliene un'altro...il genio no, quello quando lo hai sono letteralmente cazzi tuoi

Baol: per certe cose si campa bene anche nei Bhoooooooo...
visto che tanto una risposta certa comunque non credo ci sia

de kokende mamma: sono d'accordo che di solito a tirarsela sono le mezze seghe...
chi lo ha il talento lo usa, senza perdere tempo a stirarselo a destra e a manca compiacendosi

Daniela: sono d'accordo, sta a noi metere a frutto il talento.
Al contrario del "genio", che è tale e quindi assoluto, il talento è una dote. Una dote che ti fa può far afre cose belissime, ma la dei saper afferrare..altrimenti...
solo che afferrarla è una tua scelta.
non tutti i nostri talenti ci piacciono infondo.

Anonimo ha detto...

Tu ti sei riappacificata con i tuoi talenti?
Uno almeno lo salverai?

V.

Baol ha detto...

Ciao Barbara!

daniela ha detto...

Ragazzi leggete tutti qui, e se, come credo, siete disgustati come lo sono stata io, scriviamo tutti una mail a Vespa e a Del Noce per farci sentire. Io l'ho già fatto.


http://ilchiacchierario.blogspot.com/

Il post del 22 febbraio 2008.

Grazie!

 
eXTReMe Tracker